Piste ciclabili solari e macchinari per il riciclo

Condividi sui social!

Sempre più nuove start up italiane puntano sulla Green Economy, investendo su progetti green, come piste ciclabili solari e macchinari per il riciclo. A sostenere queste start up in prima linea abbiamo CrowdFundMe, una delle principali piattaforme italiane di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Corporate Debt) e la prima nella storia a essersi quotata in borsa a marzo 2019.

Tanti sono stati i successi ottenuti da queste start up e tante sono state le innovazioni green. A partire dalla progettazione della finestra fotovoltaica intelligente a bici, motori nautici elettrici, fino alla gestione circolare di scarti e spazzatura e i tessuti ricavati dagli agrumi. Tra queste start up promettente ricordiamo Borsino Rifiuti, Orange Fiber, Zeroundici, Deepspeed e Glass to Power.

Il progetto di piste ciclabili solari e dei macchinari per il riciclo sono i nuovi progetti lanciati da BYS Italia e Grycle. Quest’ultima ha progettato una macchina che trasforma i rifiuti indifferenziati in materie prime.

Scopriamone tutti i dettagli.

Le piste ciclabili solari di BYS Italia

La start up innovativa BYS Italia ha realizzato piste ciclabili solari, ovvero fatte di pannelli fotovoltaici. Un sistema per accumulare energia e distribuirla alla collettività.

L’idea nasce in Olanda, dove nel 2015 è nata la prima pista che ha abbinato la mobilità sostenibile alle energie rinnovabili. Per la realizzazione invece si è ispirata alla Francia che ha fatto dei grossi investimenti in tale innovazione.

La start up però si propone di contenere i costi per la realizzazione delle piste ciclabili solari e 3 installazioni su tutta l’Italia. Il primo in Sardegna, in un’area molto sensibile alla tutela ambientale con cessione dell’energia a una struttura turistico-ricettiva; il secondo a Roma, nell’ambito del programma Smartmed, ed il terzo in una zona del Centro-Nord Italia.

BYS Italia ha testato le piste ciclabili solari, ovvero la resistenza dei pannelli fotovoltaici al passaggio delle biciclette. La fattibilità tecnica delle piste ciclabili solari è stata infatti confermata, dopo il transito con successo di ben 540 kg su tali pannelli. Secondo la normativa infatti il carico che ogni ciclabile deve reggere è di 500 kg su metro quadrato.

I fondi che saranno raccolti saranno investiti nel perfezionamento di tale sistema strutturale e tecnologico e nello sviluppo di nuovi progetti di piste in tutto il nostro Paese.

Grycle e la sua macchina che trasforma l’indifferenziata in materia prima

La giovane Grycle Srl ha sviluppato un macchinario in grado di differenziare automaticamente i rifiuti. Infatti dopo averli triturati, riducendone così drasticamente il volume, genera scaglie di materi prime riutilizzabili. Il tutto attraverso una tecnologia made in Italy, in grado di riconoscere i singoli materiali che compongono i rifiuti indifferenziati, usando sensori in grado di rilevare la luce.

La macchina è in grado di riconoscere nuovi materiali in modalità di auto-apprendimento, attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale. Quando infatti una delle macchine avrà imparato a riconoscere un materiale, tale informazione verrà acquisita automaticamente dalle altre macchine.

La start up investirà i fondi raccolti nella campagna di equity crowdfunding, nel perfezionamento di tale tecnologia, nello sviluppo di nuova proprietà intellettuale e nell’estensione all’estero del brevetto esistente.

Sostenere progetti green è un business su cui vale la pena di investire. Non solo perché progetti rispettosi dell’ambiente che ci circonda, ma un settore in forte crescita, il futuro dell’economia.

Condividi sui social!

Published On: 15 Aprile 2020Categories: RinnovabiliViews: 27