In Cina: trend positivo per le energie rinnovabili

Condividi sui social!

Dall’inizio dell’anno ad oggi, in Cina si è registrata una crescita dell’11% delle energie rinnovabili.

Il vicedirettore Li Chuangjun, dell’ufficio delle nuove fonti di energia e delle fonti di energia rinnovabili dell’ANE, ha dichiarato che nei primi tre trimestri dell’anno, l’utilizzo dell’energia idroelettrica ha superato gli 893,8 miliardi di kWh. L’energia idroelettrica è cresciuta del 7,9%, mentre l’utilizzo dell’energia eolica ha avuto una crescita dell’8,9%, producendo 291,4 miliardi di kWh.

Il vicedirettore dell’ufficio sviluppo e pianificazione dell’ANE, Song Wen ha confermato che “nei primi tre trimestri la Cina ha promosso la trasformazione verde e a basse emissioni di CO2 dell’energia”. Aggiungendo che alla fine di Settembre, le fonti energetiche rinnovabili rappresentavano il 37,2% delle unità di generazione installate nel Paese.

L’energia fotovoltaica infatti ha raggiunto 171,5 miliardi di kWh, in crescita dell’28,1%. L’energia proveniente da biomasse invece ha generato 80,4 miliardi di kWh di elettricità, una crescita pari al 19,4% rispetto al 2018.

La Cina è il primo tra i paesi a investire nelle energie rinnovabili

La Cina risulta essere il primo tra i paesi che ha maggiormente investito in energie rinnovabili in questi ultimi dieci anni, investendo 758 miliardi di dollari. Al secondo posto troviamo gli Stati Uniti con 356 miliardi di dollari e al terzo posto con 202 miliardi il Giappone.

La classifica segue con la Germania con 179 miliardi di dollari, il Regno Unito con 122 miliardi, l’India con 90 miliardi e l’Italia al settimo posto con 82 miliardi di dollari investiti nelle energie rinnovabili.

In quest’ultimo decennio è migliorata anche la competitività nei costi delle energie rinnovabili. Infatti dal 2009 il costo dell’energia elettrica è diminuito drasticamente dell’81% per il fotovoltaico e del 46% per l’eolico on shore.

Gli investimenti globali nelle energie rinnovabili nel 2018 sono stati il triplo, rispetto a quelli investiti nella produzione di combustibili fossili. Un aspetto molto positivo, visto che le energie rinnovabili hanno raggiunto il 12,9% della produzione di energia elettrica mondiale. La produzione di energia pulita ha evitato quindi di rilasciare nella atmosfera più di 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica.

Serve però uno sforzo maggiore da parte di tutti, affinché si raggiungano gli obiettivi internazionali in materia di clima e sviluppo.

Come ha ben dichiaro l’Ing. Andersen, direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, “dobbiamo passare rapidamente alle energie rinnovabili se vogliamo raggiungere gli obiettivi internazionali”.

Condividi sui social!

Published On: 4 Novembre 2019Categories: RinnovabiliTags: , , Views: 51
  • ghiacciaio-la-corona-venezuela

Addio all’ultimo ghiacciaio del Venezuela

Addio all'ultimo ghiacciaio del Venezuela che ha definitivamente perso tutti i suoi ghiacciai, un segnale preoccupante degli effetti del cambiamento climatico. Il ghiacciaio [...]