Segreti Di Bellezza Dalle Streghe

Condividi sui social!

Halloween si avvicina e si torna a parlare di streghe. Favole e storielle provenienti dal passato che portano un’aura di magia e mistero. Ma le donne di quell’epoca, quelle realmente vissute, etichettate come streghe per le loro conoscenze o per le stranezze, cosa facevano per rendersi più belle? Accanto ai loro rituali magici, le donne di quei tempi possedevano anche antichi segreti di bellezza che rendevano la loro pelle radiosa e i loro capelli scintillanti. Oggi esploreremo questi affascinanti metodi di bellezza che un tempo erano tramandati solo tra donne, scoprendo tradizioni e rimedi unici che hanno resistito al passare dei secoli.

La Magia dei Profumi e degli Oli Essenziali

Nel Basso Medioevo e nel Rinascimento, le streghe erano esperte nell’arte della profumeria. Utilizzavano oli essenziali estratti da fiori, erbe e spezie per creare profumi irresistibili. Gli oli profumati venivano applicati sulla pelle per incantare gli altri con il loro aroma avvolgente.

Si utilizzavano fiori di rosa, estraendone l’essenza dai petali. Di giglio, da sempre associato a simbolo di nobiltà.

La cannella che aggiungeva una nota calda e speziata. Il cardamomo, sempre speziato ma più fresco. La vaniglia, che lascia una dolcezza di fondo.

Rituali di Bellezza con Erbe Magiche

Le streghe sapevano che la natura offriva una vasta gamma di erbe benefiche per la pelle e i capelli. Usavano camomilla per illuminare il viso, rosmarino per rafforzare i capelli. La lavanda che oltre ad avere un gradevole profumo, ha proprietà calmanti, per rilassare la mente e il corpo. Queste erbe venivano spesso utilizzate in maschere e unguenti per migliorare la bellezza naturale.

Spugne e pennelli venivano utilizzati per applicare trucco al viso. Le spugne erano spesso fatte di materiale naturale come spugne di mare.

I rossetti si realizzavano con cera d’api mescolata a olio d’oliva o di mandorle per la consistenza e l’aggiunta di coloranti come il papavero, per ottenere il rosso.

Il rouge o blush, fatto di polvere di colore rosso, veniva applicato sulle guance per aggiungere colore.

Per creare il rouge rosso, uno degli ingredienti principali utilizzati era la polvere di cocciniglia. Le cocciniglie sono piccoli insetti parassiti che, quando essiccati e macinati, producono un pigmento rosso brillante utilizzato appunto come colorante naturale.

La cipria, spesso fatta di farina di riso o amido di mais, veniva applicata sul viso per dare alla pelle un aspetto più chiaro e opaco.

Capelli Incantevoli e Acconciature Affascinanti

Le streghe del passato avevano una predilezione per i capelli lussureggianti e ben curati. Usavano pettini finemente intagliati e nastrini colorati per adornare le loro acconciature elaborate. Le parrucche erano realizzate con capelli umani, raccolti da donatori o comprati oppure, con capelli di animali come capre, pecore e cavalli. Intrecciate e cucite su una base di rete o di stoffa e decorate con fiori e gemme.

L’Impronta Ambientale delle Pratiche del Passato

Mentre esploriamo gli affascinanti segreti di bellezza del Basso Medioevo e del Rinascimento, ci rendiamo conto dell’incredibile saggezza delle generazioni passate. In un’epoca in cui l’ambiente era rispettato e gli ingredienti naturali erano apprezzati, possiamo trarre ispirazione per plasmare il nostro approccio alla bellezza odierna.

Possiamo esplorare il mondo degli ingredienti naturali e scoprire le meraviglie che la natura ha da offrire. Ogni petalo di fiore e ogni goccia di olio essenziale sono testimoni di una bellezza senza tempo, e nel rispetto di queste risorse preziose, possiamo creare una bellezza che riflette non solo chi siamo oggi, ma anche la nostra responsabilità verso il mondo che condividiamo.

Condividi sui social!

Published On: 21 Ottobre 2023Categories: Ambiente, Benessere & BellezzaViews: 59