Record di sfollati a causa dei disastri climatici

Condividi sui social!

Nel 2020 sono state sfollate più persone a causa dei cambiamenti climatici rispetto ai conflitti violenti.

Lo dimostrano i risultati pubblicati dal Centro di monitoraggio dello spostamento interno (IDMC) del Consigli norvegese per i rifugiati. Questa pubblicazione indica che il numero di sfollati interni nel mondo ha raggiunto il livello più alto della storia.

Il 2020 ha registrato un totale di 55 milioni di spostamenti interni, rendendo il 2020 l’anno peggiore mai registrato in termini di spostamenti. Questo non riguarda solo il numero di persone sfollate, ma anche il numero di sfollati e dei vari spostamenti effettuati.

Come riporta anche The Guardian, i numeri IDMC mostrano che solo nel 2020 ci sati più di 40 milioni di nuovi sfollati. Si tratta di una cifra annuale più alta degli ultimi 10 anni. Dei 40 milioni di sfollati, 30 milioni sono il risultato dei disastri meteorologici.

Le tempeste, incendi e inondazioni sono le cause principali che hanno triplicato questo numero di sfollati, rispetto ai conflitti.

I paesi più colpiti

Questo problema ha colpito maggiormente l’Asia orientale e la regione del Pacifico, con circa il 30,3% di tutti i nuovi spostamenti legati alle condizioni meteorologiche registrati nell’area.

Il secondo più colpito è stato il sub-sahariana dell’Africa, che rappresenta il 27,4% di tutti i nuovi sfollati.

Stando al rapporto IDM abbiamo che “ogni anno milioni di persone sono costrette a lasciare le proprie case a causa di conflitti e violenze. I disastri e gli effetti del cambiamento climatico innescano regolarmente nuovi sfollamenti secondari, minando la sicurezza e il benessere delle persone “. Aggiungendo che “la portata degli sfollati in tutto il mondo è in aumento e la maggior parte di essi avviene all’interno dei confini dei paesi”.

I paesi più colpiti da questo tipo di sfollamenti sono Afghanistan, India e Pakistan. L’Afghanistan ha registrato 1,1 milioni di sfollati, l’India 929.000 e il Pakistan 806.000.

 

Le cause e i fattori rilevanti di questo record di sfollati

Secondo la direttrice dell’IDMC Alexandra Bilak, gli spostamenti sono causati da molti fattori interconnessi, il cambiamento climatico sicuramente è un fattore principale.

Per Bilak “le crisi di sfollamento odierne derivano da molti fattori interconnessi, tra cui cambiamenti climatici e ambientali, conflitti protratti e instabilità politica. In un mondo reso più fragile dalla pandemia di Covid-19, le strategie politiche e gli investimenti saranno decisive”.

Il segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati, Jan Egeland aggiunge che “è scioccante che qualcuno sia stato costretto a fuggire dalla propria casa all’interno del proprio paese ogni secondo l’anno scorso. Non riusciamo a proteggere le persone più vulnerabili del mondo da conflitti e disastri climatici”.

Condividi sui social!

Published On: 4 Giugno 2021Categories: Ambiente, Clima, Costume&SocietàViews: 54