Pianeta salvato dalle donne

Gli uomini sicuramente dibattono, discutono, progettano di salvare o cambiare il mondo, ma sono le donne quelle ad agire e che lo fanno quotidianamente.

Lo conferma un’indagine condotta dalla Conference board global consumer di Nielsen che ha reportizzato il tutto anche con fotografie. Sono stati infatti fotografati gli atteggiamenti degli italiani che hanno nei confronti dell’ambiente e molto altro.

Le donne magari non ne parleranno molto o sono poco interessate alla politica e finanza, ma i lori gesti e pensieri son un bene per la comunità e hanno un impatto sull’economia.

Le donne hanno comportamenti più ecologici

L’indagine fatta dal Nielsen Consumer Panel ha rilevato che le donne hanno comportamenti ecologici, eco sostenibili. Preferiscono infatti utilizzare prodotti senza sostanze chimiche (il 37% contro il 27% degli uomini), per fare la spesa evitano di sprecare la plastica portando da casa delle buste (il 69% contro il 54% degli uomini), preferiscono spostarsi nei mezzi pubblici rispetto ad usare la macchina (il 30% rispetto al 22% degli uomini). Sono inoltre disposte a spendere di più per i prodotti che rispettano l’ambiente e che sono eticamente prodotti (il 14% rispetto al 12% degli uomini).

Non è poi un mistero che le donne hanno più pazienza e tempo per fare la raccolta differenziata (con questo non vogliamo dire che esistono sempre le eccezioni) o ad ogni modo fanno più attenzione a smaltire correttamente i rifiuti. (il 78% rispetto al 72% degli uomini). Tra i diversi dati rilevati, le donne riducono lo spreco della carta, leggendo libri, riviste e giornali su supporti elettronici (il 20% contro il 17% degli uomini).

Politica ed economia sono sempre interessi maschili

Le donne sono sicuramente il genere che ha comportamenti più ecologici, ma solo il 12% è interessato alla politica contro un 27% e solo il 4% alla finanza contro il 14% degli uomini. Un dato che si contrappone alla media europea, dove sono le donne che sentono le maggiori pressioni finanziarie (il 52% dichiara che riesce a stento a coprire i bisogni primari, contro il 42% degli uomini). Questo forse perché temi come la politica e l’economia ad oggi sono ancora per lo più maschili.

Le donne si dichiarano interessate a temi come la salute (il 41% contro il 24% degli uomini) e una buona lettura di un libro. Ben il 44% delle donne (contro il 38% degli uomini) dichiara di lasciarsi influenzare da amici e conoscenti nelle decisioni di acquisto. Si abbassa la media dello shopping online dal 65% al 61%, ma le donne sono quelle ad essere più social.

Il divario tra uomo e donna continua e forse continuerà a persistere, ma non per questo non ci dobbiamo impegnare tutti noi a salvaguardare il Pianeta sia a parole che con i gesti.

“La terra è un bel posto e per essa vale la pena di lottare”.

Enerst Hemingway

Published On: 27 Gennaio 2020Categories: Ambiente, EcologiaTags: , Views: 3