Canada: oltre un miliardo di animali marini rimasti uccisi

Condividi sui social!

Il caldo da record in Canada non si placa. Le temperature hanno ormai raggiunto i 50 gradi uccidendo non solo le persone ma anche gli animali marini.

Stando ai risultati della British Colombia University sarebbero morte più di un miliardo di specie marine. Non hanno sopportato le temperature bollenti dell’acqua.

Migliaia di cozze morte sono state ritrovate infatti sulle spiagge di Vancouver.

 

Un miliardo di animali marini morti

Uno scenario davvero devastante per il biologo Christopher Harley e i suoi studenti della British Columbia che, si sono recati presso le diverse spiagge e hanno lanciato l’allarme.

Nell’acqua c’erano diverse cozze, vongole, lumache di mare e stelle marine morte.

Al The Guardian il biologo ha raccontato che “la riva di solito non scricchiola quando ci cammini sopra. Ma c’erano così tanti gusci di cozze vuoti che non potevi evitare di calpestare animali morti mentre camminavi”.

Lungo la costa rocciosa, le temperature rilevate dalle telecamere ad infrarossi erano superiori ai 50°C.

Solitamente le cozze si rigenerano in due anni, le stelle marine e le vongole vivono invece per decenni e si riproducono più lentamente. Sarà necessario più tempo per poterle rigenerare.

Questo si ripercuote anche sulla qualità stessa dell’acqua marina, in quanto le cozze e le vongole aiutano a filtrare il mare. Un disastro che deve far riflettere.

cozze morte

 

L’ondata di caldo e le sue conseguenze

Solitamente le cozze riescono a sopportare temperature intorno ai 30°C. I cirripedi arrivano fino a 40°C. In questi giorni le temperature sono state così alte, raggiungendo i 50°C, che hanno sterminato la fauna marina. Anche perché solitamente la temperatura media stagionale è pari a 21°C.

Nelle scorse settimane, la temperatura è salita oltre i 50 gradi per vari giorni lungo la costa, sia in Canada che negli Stati Uniti. Le persone morte sono state almeno 500 nella British Columbia, mentre centinaia di incendi hanno distrutto porzioni di territorio.

Un cambiamento climatico che ci deve far riflettere ed agire.

Condividi sui social!

Published On: 23 Luglio 2021Categories: Ambiente, Animali & BiodiversitàViews: 41