Buoni propositi per il 2024: mangiare bene per noi e per il Pianeta

Condividi sui social!

Mentre ci avviciniamo al nuovo anno, uno dei buoni propositi che molte persone si pongono è quello di migliorare la propria dieta e mangiare bene. Dopo le festività, durante le quali spesso abbiamo concesso qualche strappo alla nostra alimentazione, è il momento di fissare degli obiettivi salutari. Il WWF, attraverso la sua campagna “Sustainable Future“, ha lanciato la prima guida di sopravvivenza per un futuro sostenibile, concentrandosi sulle scelte alimentari.

La guida, intitolata ‘C’è una dieta che fa bene a te e al pianeta’, offre consigli pratici ai consumatori su come rendere il proprio impatto ambientale più leggero attraverso le scelte a tavola. Vediamo alcune delle raccomandazioni chiave.

Cosa mettere nel carrello

  1. Più natura, meno sostanze chimiche: Optare per alimenti biologici può contribuire a tutelare la biodiversità, preservare la fertilità del suolo e rispettare il benessere animale. Riducendo l’uso di pesticidi, si evita l’impoverimento del suolo e l’inquinamento delle acque.
  2. Dieta mediterranea: Abbracciare la dieta mediterranea, caratterizzata da verdure, legumi, frutta e cereali freschi, può non solo migliorare la salute individuale, ma anche ridurre il consumo di acqua ed energia, limitando gli impatti sulla biodiversità. La scelta di cibo locale e di stagione contribuisce anche a ridurre le emissioni di CO2 legate al trasporto alimentare.
  3. Ridurre le proteine animali: La produzione di carne ha un impatto significativo sull’ambiente, richiedendo grandi quantità di acqua e producendo elevate emissioni di CO2. Ridurre il consumo di carne e optare per una dieta a base di alimenti vegetali può portare benefici sia alla salute sia all’ambiente.
  4. Lettura etichette: Imparare a leggere le etichette è essenziale per fare scelte consapevoli. Oltre alle informazioni caloriche e sugli ingredienti, è importante conoscere gli impatti ambientali della produzione, come le emissioni di CO2 e l’uso di pesticidi.

Quando il cibo entra in casa

  1. Diversità a tavola: Sostenere la diversità agricola scegliendo varietà locali e tradizionali può contribuire a preservare la biodiversità. Promuovere prodotti come mele, cereali e legumi antichi dai piccoli produttori può portare benefici sia alla salute sia all’ambiente.
  2. Porzioni e stile di vita: Prestare attenzione alle dimensioni delle porzioni è fondamentale per una dieta equilibrata. In un Paese noto per la dieta mediterranea, è importante combattere il problema dell’obesità infantile attraverso corrette quantità e uno stile di vita sano.
  3. Combattere lo spreco: Ridurre lo spreco alimentare è cruciale. Controllare le date di scadenza, organizzare correttamente frigoriferi e dispense, e utilizzare gli avanzi in modo creativo può contribuire a ridurre il cibo sprecato.
  4. Cucinare in modo sostenibile: Utilizzare piano cottura a induzione e adottare pratiche di cottura a basso impiego energetico può aiutare a ridurre le emissioni e a risparmiare energia.

Quando mangi al ristorante

  1. Proteggere le specie a rischio: Chiedere la provenienza degli ingredienti al ristorante è fondamentale per evitare il consumo di specie selvatiche a rischio di estinzione.
  2. Evitare lo spreco: Ordinare solo ciò che si è sicuri di mangiare può contribuire a ridurre lo spreco alimentare. Richiedere contenitori per gli avanzi è una pratica saggia.
  3. Scelte di menu rispettose della natura: Preferire ristoranti con menu basati su prodotti locali, stagionali e freschi può garantire un’offerta alimentare sostenibile che segue il ritmo naturale delle stagioni.
  4. Scegliere pesce sostenibile: Optare per ristoranti con un menu di pesce sostenibile aiuta a preservare le risorse ittiche e a evitare il sovrasfruttamento di specie marine a rischio.

Abbracciare questi consigli non solo può migliorare la nostra salute, ma contribuisce anche a preservare il pianeta per le generazioni future. Fissiamo obiettivi alimentari sostenibili per il 2024, facendo piccoli cambiamenti che possono fare la differenza a lungo termine.

Condividi sui social!