4 Startup Innovative che rivoluzionano il Riciclo di Tessuti

Condividi sui social!

L’interesse nel settore della moda per le tecnologie di riciclo tessile e la riduzione dell’inquinamento è in costante crescita. Nei prossimi anni, assisteremo a una sempre maggiore diffusione di tecnologie all’avanguardia e normative finalizzate al riciclo dei tessuti, un settore che finora ha ricevuto scarsa attenzione nelle politiche dell’economia circolare. Tuttavia, il vento sta cambiando, con startup che si ergono contro la fast fashion e il consumismo, proponendo soluzioni innovative per il riciclo di tessuti e abiti usati.

Unspun – la macchina per tessere 3D

Unspun ha introdotto la prima macchina per tessere 3D al mondo, capace di creare jeans su misura direttamente dai filati in meno di 10 minuti. La loro microfabbrica, attualmente in costruzione a Oakland, California, potrebbe rivoluzionare la produzione di abbigliamento eliminando la necessità di grandi scorte di inventario. Questo approccio consentirebbe di produrre solo ciò di cui i clienti hanno effettivamente bisogno, riducendo i tempi di produzione e gli sprechi.

Circ – la startup che ha convinto Zara a riciclare le fibre

La maggior parte degli indumenti è costituita da un mix di materiali, rendendoli difficili da riciclare. Circ, con sede negli Stati Uniti, ha sviluppato una soluzione chimica per separare il policotone, la miscela più comune, nelle sue componenti di base. Utilizzando un processo idrotermale, riescono a liquefare il poliestere e separarlo dal cotone, trasformandoli in nuove fibre. Un successo notevole è stato il coinvolgimento di Zara, che ha utilizzato questa innovazione per una nuova linea di abbigliamento lanciata nell’aprile 2023.

Saentis Textiles – per un riciclo tessuti “in house”

Saentis Textiles ha sviluppato una macchina brevettata in grado di riciclare il cotone con danni minimi alle fibre, producendo tessuti riciclati di alta qualità. I marchi come IKEA, Patagonia e Tommy Hilfiger utilizzano il cotone riciclato prodotto da Saentis Textiles. L’azienda ha scelto di vendere la sua invenzione alle aziende tessili, permettendo loro di installare macchine direttamente nelle loro fabbriche per attuare processi di riciclo sul posto.

SuperCircle – raccolta e smistamento tutto in uno

SuperCircle affronta il problema delle infrastrutture insufficienti per raccogliere e smistare grandi quantità di abiti usati. Unisce aziende di logistica, magazzini e sistemi di tracciabilità per semplificare il processo, riducendo i costi complessivi. Offre contenitori per la raccolta ai negozi, etichette di spedizione gratuite e altri incentivi per coinvolgere i consumatori nell’importante sforzo di riciclo.

 

In un mondo in cui l’innovazione si sposa con la sostenibilità, queste startup emergenti stanno plasmando un futuro più verde e pulito per l’industria della moda. Insieme possiamo impegniarci a sostenere scelte sostenibili per un ambiente migliore, e queste iniziative pionieristiche sono un esempio tangibile di come le tecnologie avanzate possano guidarci verso un futuro più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

Condividi sui social!